Ossigeno

TRASPORTO DI ATTREZZATURE MEDICHE A BORDO - Ossigeno

Il trasporto di merci pericolose per via aerea va effettuato d’accordo con quanto stipulato nel:

- Regolamento degli Stati Uniti (49 CFR Parti 171-180) o nelle Istruzioni Tecniche della OACI limitate dal 49 CFR Parte 171 Sottoparte C. I requisiti del 49 CFR 175 si applicano a tutte le spedizioni consegnate per il loro trasporto per via aerea da, verso e all’interno degli Stati Uniti, comprese le spedizioni preparate d’accordo con tale Regolamento.

La Parte 175 contiene requisiti aggiuntivi applicabili a qualsiasi persona che realizzi, cerchi di realizzare o gli venga chiesto di realizzare una funzione soggetta al 49 CFR ed anche ai passeggeri e all’equipaggio degli aerei.

- Istruzioni Tecniche della OACI. Quando si seguono le Istruzioni Tecniche della OACI per le spedizioni di merci pericolose, il mancato rispetto di tali Istruzioni Tecniche della OACI e di tutte le variazioni statunitensi applicabili costituisce una violazione del Regolamento degli Stati Uniti.

Nota: Il Regolamento sulle Merci Pericolose della IATA è in regola con l’Allegato 18 della OACI e le corrispondenti Istruzioni Tecniche associate.

- SFAR 106 – Norme d’uso per i concentratori di ossigeno portatili a bordo di un aereo.

- Regolamento degli Stati Uniti (14 CFR Parti 125 e 135). Uso di determinati concentratori di ossigeno portatili a bordo di un aereo.

- Dipartimento dei Trasporti (14 CFR Parte 382). Non discriminazione nel trasporto aereo in base alla disabilità.

- Dipartimento dei Trasporti. Federal Aviation Administration (14 CFR Parte 121). Uso di concentratori di ossigeno portatili a bordo di un aereo.

- Informazioni sui passeggeri disabili & condizioni mediche www.tsa.gov

PRENOTAZIONE/INFORMAZIONI

È consigliabile notificare ad Air Europa al momento della prenotazione o al massimo 48 ore prima della partenza del volo l’eventuale trasporto di attrezzature mediche a bordo al fine di poter verificare la politica di Air Europa relativa al trasporto di tali apparecchiature. Il passeggero dovrà altresì presentarsi al banco accettazione come minimo 1 ora prima dell’apertura del volo per poter ricevere i servizi corrispondenti e per l’assegnazione del posto nei casi di trasporto di ventilatore, respiratore, CPAP o POC.

Il passeggero dovrà effettuare la richiesta per il trasporto di ossigeno al Centro di Attenzione (CAT), nel caso di voli regolari (la conferma verrà pertanto rispecchiata nella prenotazione del passeggero).
Si richiede un certificato medico per il passeggero con disabilità:
- Che dovrà volare in barella o in incubatrice.
- Che avrà bisogno di ossigeno medico (bombole o cilindri) durante il volo; o

NOTA: Air Europa non fornisce questo servizio di ossigeno a bordo dei propri aerei.

- Le cui condizioni mediche siano tali che esista un dubbio plausibile sulla sua capacità di poter completare il viaggio con sicurezza, senza alcuna esigenza di assistenza medica speciale durante il volo.

A tutti gli effetti, un certificato medico è un rapporto scritto rilasciato dal medico del passeggero in cui si comunica che il passeggero è in grado di completare il volo con sicurezza, senza particolari esigenze di assistenza medica durante il volo.

Per essere valido, un certificato medico dovrà essere rilasciato entro i dieci giorni precedenti la data di partenza programmata del volo.

CHECK-IN E ASSEGNAZIONE DEL POSTO

Il passeggero deve presentarsi al banco accettazione e sottoporsi agli appositi controlli.

L’addetto al check-in dovrà assicurarsi che:

- Nessuna persona che utilizzerà delle attrezzature mediche si siederà nella fila di emergenza.
- Le attrezzature mediche siano ammesse per il proprio uso a bordo dell’aereo. Controllare la prenotazione.
- Il passeggero disponga delle batterie sufficienti (inserite ed extra) secondo quanto stabilito in questa norma per il funzionamento dell’attrezzatura.

Nota: Air Europa non può garantire la disponibilità di una presa e/o la fornitura di corrente elettrica all’interno dell’aereo.

- Si dovrà informare il passeggero che, a seconda dell’attrezzatura e del suo eventuale utilizzo durante il volo, l'attrezzatura in questione dovrà essere riposta sotto il sedile anteriore oppure negli appositi vani per il bagaglio a mano.
- Air Europa si riserva il diritto di negare il trasporto a quei passeggeri che non trasportano la quantità sufficiente di attrezzature e/o batterie adeguate o necessarie per il volo o che non hanno effettuato le dovute pratiche richieste per tale trasporto.
D’accordo con la capacità dell’ossigeno richiesto e la durata, si possono considerare due tipi di attrezzatura:

1) Kit mobile, il quale non richiede l’occupazione di posti supplementari. Il kit viene istallato sotto il sedile davanti a quello del passeggero in questione.

2) Kit fisso (non fornito da Air Europa), per il quale occorre occupare una parte o tutti i posti accanto al passeggero. I posti necessari per il kit potranno essere occupati dalle persone che accompagnano il passeggero con disabilità.

- Occorre informare l’aeroporto di scalo della presenza di passeggeri OXYG mediante messaggio da parte del dipartimento responsabile della prenotazione.

- Se il volo è completo, si dovrà comunque tutelare il passeggero e mai negargli l’imbarco.

- Il passeggero deve presentarsi al banco accettazione dell’aeroporto di partenza con tempo sufficiente per poter realizzare le pratiche previste da tale aeroporto.

- Non è stato definito un orario anticipato di accettazione in quanto questo può variare a seconda dell’aeroporto.
- Per motivi di sicurezza, al passeggero verrà assegnato un posto finestrino e si bloccheranno i posti vicini (nel caso in cui l’aereo non sia pieno).

- In nessun caso verrà assegnato al passeggero un posto con paratie divisorie davanti e/o fila di emergenza o file adiacenti a quella di emergenza, per garantire che l’attrezzatura medica non si sposti e che questa non  ostacoli un’eventuale evacuazione dei passeggeri in caso di emergenza.

- Si comunicherà al passeggero che l’attrezzatura medica dovrà essere posizionata sotto il sedile anteriore, in qualsiasi fase di volo; a tal fine l’attrezzatura in questione non potrà eccedere le misure corrispondenti a quelle del bagaglio a mano.

- Il passeggero dovrà presentarsi alla zona di imbarco con un anticipo di 45 minuti al fine di poter imbarcare prima degli altri passeggeri e di poter essere presentato agli assistenti di volo.

RESTRIZIONI/ATTREZZATURE VIETATE

È totalmente vietato il trasporto di dispositivi, attrezzature e/o cilindri contenenti ossigeno liquido, sia come bagaglio a mano che come bagaglio registrato o addosso al passeggero, anche se il dispositivo sia vuoto.
È totalmente vietato trasportare generatori chimici di ossigeno (da non confondere con i concentratori).
Si vieta altresì il trasporto a bordo di quei dispositivi, attrezzature e/o cilindri contenenti ossigeno, che siano contenuti in attrezzature e/o cilindri non idonei al trasporto o che non siano adeguatamente etichettati.

FORNITURA DI OSSIGENO DA PARTE DI AIR EUROPA

Air Europa non fornisce attrezzature di ossigeno per l’assistenza del passeggero; questo servizio non è disponibile nei voli di Air Europa. Tuttavia, il passeggero potrà trasportare le attrezzature, i dispositivi e/o cilindri di sua proprietà o noleggiati attraverso ditte specializzate a patto che tali dispositivi siano in regola con i requisiti specificati da ogni singolo paese in questa procedura, e restando in ogni caso sempre soggetti alla previa autorizzazione da parte di Air Europa.

Avviso importante: l’ossigeno per emergenze dell’aereo si trasporta per usi non previsti e in nessun caso per passeggeri con speciali esigenze note in anticipo.

BOMBOLE O CILINDRI DI OSSIGENO O DI ARIA RICHIESTI A FINI MEDICI

Non è consentito al passeggero l’uso dei propri cilindri di ossigeno durante il volo.
La normativa della Federal Aviation Administration (FAA) vieta l’uso di cilindri o bombole di ossigeno per uso personale durante il volo. Tuttavia la FAA ha stabilito apposite norme per l’uso, durante il volo, di determinati concentratori portatili di ossigeno (POC).

NOTA:
Le attrezzature e/o cilindri di ossigeno o d’aria si potranno trasportare come bagaglio registrato, opportunamente imballato, a patto che tali dispositivi siano vuoti, con una pressione uguale a “0”, e vengano presentati al banco accettazione con la valvola/regolatore staccati dal cilindro in maniera tale che gli addetti al check-in possano effettuare le dovute verifiche.

ATTREZZATURE MEDICHE A BORDO: VENTILATORI, RESPIRATORI, CPAP

(Attrezzature o dispositivi a pressione positiva continua delle vie aeree) o concentratore di ossigeno portatile (POC)
(VOLI USA).

APPLICABILITÀ

Questa norma si basa sulla normativa Federal Register 382.133 (d) (Requirements concerning evaluation and use of passenger-supplied electronic devices that assist passengers with respiration in the cabin during flight).

Tale norma si applica sia ad Air Europa che al passeggero che utilizza l’attrezzatura medica a bordo dell’aereo.

APPROVAZIONE – CONCENTRATORE DI OSSIGENO PORTATILE (POC)

(a) Nessuna persona potrà usare e nessuna compagnia potrà autorizzare l’uso di Concentratori di ossigeno portatili diversi dai seguenti.
Modelli di concentratori di ossigeno portatili approvati per l’uso e per il trasporto durante i voli di Air Europa:

• AirSep FreeStyle
• AirSep LifeStyle
• Delphi RS-00400
• Inogen One
• Invacare XPO2
• Respironics EverGo
• SeQual Eclipse.
I concentratori di ossigeno portatili citati anteriormente sono apparecchiature mediche che presentano le seguenti caratteristiche:

(1) Non contengono alcun materiale pericoloso, così come stabilisce l’organismo USA: Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration.

(2) Sono regolati dall’organismo USA: Food and drug administration.
Tali attrezzature funzionano separando l’ossigeno dall’azoto ed altri gas presenti nell’ambiente, e somministrandolo all’utente in maniera concentrata.

I passeggeri che utilizzano concentratori di ossigeno portatili potranno usare soltanto appositi liquidi per la loro manutenzione e/o utilizzo.

REQUISITI OPERATIVI PER LE ATTREZZATURE MEDICHE A BORDO

Air Europa, come compagnia aerea straniera, deve fornire al passeggero che effettua la prenotazione le informazioni corrispondenti così come indicato nei seguenti paragrafi (dall’1 al 7) qualora il passeggero in questione abbia comunicato alla compagnia la propria intenzione di utilizzare in cabina durante il volo una delle seguenti attrezzature mediche: ventilatore, respiratore, CPAP (Attrezzature o dispositivi a pressione positiva continua) o un apparecchio POC (concentratore di ossigeno portatile) corrispondente a un modello approvato dalla FAA:

(1) L’attrezzatura dovrà disporre di un’apposita targhetta che ne indichi la relativa approvazione/verifica e il rispetto dei requisiti, qualora fosse il caso, per le attrezzature mediche portatili, richiesti dalle autorità del paese del vettore.

(2) L’attrezzatura dovrà disporre di un’apposita targhetta che ne indichi la relativa approvazione/verifica e il rispetto dei requisiti previsti per le attrezzature mediche portatili e richiesti dalla FAA per compagnie aeree americane qualora tali requisiti per i dispositivi medici elettronici portatili non siano stati richiesti dal governo della compagnia aerea (non americana) e la compagnia esterna sceglie di applicare i requisiti della FAA per i dispositivi medici elettronici portatili.

(3) Il peso massimo e le dimensioni (lunghezza, larghezza, altezza) del dispositivo per uso individuale da sistemare all’interno della cabina dell’aereo, debbono essere in regola con le norme di sicurezza del governo del vettore (non USA).
Durante il rullaggio, il decollo e l’atterraggio, il dispositivo dovrà:

(i) Collocarsi sotto il sedile davanti a quello del passeggero, o in un’altra postazione autorizzata, in maniera tale da non ostruire il passaggio del corridoio o l'accesso alla stessa fila, o

(ii) Qualora debba essere usato dal passeggero, se ne consentirà l’uso soltanto nello stesso sedile senza che impedisca ad un altro passeggero di accedere al proprio posto, oppure ostruisca il passaggio verso uscite operative, uscite di emergenza o il corridoio nella cabina passeggeri;
Non si consentirà a nessun passeggero che usa un concentratore di ossigeno portatile di sedersi nei sedili ubicati in corrispondenza delle uscite di emergenza.

(1) Il passeggero dovrà portare un numero sufficiente di batterie cariche (anche eventuali batterie extra) per garantire il funzionamento dell’apparecchio durante tutta la durata del volo; tali batterie dovranno essere opportunamente imballate secondo le norme di sicurezza governative.

Una volta che il medico abbia informato, mediante apposito rapporto, il passeggero sulla durata dell’ossigeno, quest'ultimo dovrà informarsi presso la compagnia aerea o mediante altri mezzi della durata prevista del volo. Il passeggero dovrà trasportare un adeguato numero di batterie opportunamente cariche a seconda della durata prevista da parte del fabbricante e i dati forniti nel rapporto medico. Per il corretto funzionamento dell’attrezzatura, il passeggero dovrà munirsi di batterie per un 150% della durata di volo previsto.
Il passeggero deve assicurarsi che tutte le batterie dei concentratori di ossigeno portatili o di atre attrezzature mediche trasportate a bordo dell’aereo nella cabina passeggeri siano imballate in maniera tale da proteggerle da eventuali cortocircuiti e rotture. Le batterie protette da un eventuale cortocircuito includono:

(1) Le batterie di riserva scariche.

(2) I terminali di batterie imballati in maniera tale da non essere a contatto con oggetti di metallo (compresi i terminali di batteria o altre batterie). Quando la batteria di un concentratore di ossigeno portatile si trasporta come bagaglio a mano e non si ha intenzione di utilizzare l’apparecchio durante il volo, la batteria dovrà essere rimossa e imballata separatamente a meno che il concentratore contenga almeno due imballaggi protettivi onde evitare probabili incidenti durante il trasporto.

N.B.: Le connessioni a bordo degli aerei non sono disponibili o adattate per collegarvi i concentratori di ossigeno portatili; per questo motivo i passeggeri debbono assicurarsi di disporre del numero sufficiente di batterie per coprire l’intera durata del volo, compresi i tempi di attesa nei transiti e ritardi imprevisti.
Le batterie contenenti litio possono dividersi in 2 tipi, a seconda del contenuto della suddetta sostanza:

• Le batterie contenenti fino a 8 grammi di litio possono essere trasportate senza alcuna restrizione relativa alla quantità.

• Le batterie con un contenuto tra gli 8 e i 25 grammi, potranno essere trasportate nella cabina passeggeri a patto che siano protette singolarmente onde evitare cortocircuiti e che siano imballate in un resistente pacchetto esterno. In merito alla loro quantità, non si consentirà il trasporto di più di 2 unità a persona.

Per le batterie di riserva da registrare come bagaglio, tenere in considerazione le seguenti equivalenze-valori massimi ammessi:

• Un contenuto superiore a 8 grammi di litio equivale a un ratio di 100 watt-ora o di 1450 mA/ora.

• Un contenuto superiore a 25 grammi di litio equivale a un ratio di 300 watt-ora o di 4400 mA/ora.

(2) In tal caso occorrerà che il passeggero contatti il vettore, almeno 48 ore prima dell’ora programmata di partenza al fine di confermare la durata massima del volo e di conseguenza determinare il numero necessario di batterie per il funzionamento del proprio apparecchio: ventilatore, respiratore, attrezzature o dispositivi CPAP (pressione positiva continua nelle vie aeree) o POC (concentratore di ossigeno portatile).

(5) In tal caso coordinare la pianificazione dell’uso dell’apparecchio/attrezzatura medica al banco di accettazione, fino ad un'ora prima della chiusura del volo;

(6) In tal caso, la persona che desideri utilizzare un concentratore di ossigeno portatile a bordo di un aereo, dovrà presentare in aeroporto a Air Europa un rapporto medico (certificato medico).

e) Nel caso si trattasse di un volo in code sharing, il vettore il cui codice compare sul volo deve informare il passeggero che intende adoperare un ventilatore, un respiratore, un dispositivo CPAP o POC a bordo di un aereo, affinché possa contattare il vettore che opera il volo successivo, e sapere così quali sono i requisiti necessari per l’uso di tali apparecchiature mediche in cabina oppure fornire tali informazioni a nome del suddetto vettore.

NOTA: Se un passeggero non è in regola con le condizioni per l’ammissione di dispositivi elettronici portatili così come si è specificato anteriormente, Air Europa può negargli l’imbarco d’accordo con questa sezione; in tal caso si dovrà fornire al passeggero una spiegazione per iscritto ai sensi di quanto stabilito nel Federal Register della FAA.

INFORMAZIONI AL PILOTA

Nel caso di un passeggero che trasporta un concentratore di ossigeno portatile, se ne dovrà dare sempre opportuna comunicazione al pilota in comando dell’aereo. Si informerà altresì il Comandante del contenuto del rapporto medico, compresa l’entità e il carattere delle esigenze di ossigeno da parte del passeggero.

Quando il Pilota in comando spegnerà il segnale “Allacciarsi le cinture” o un altro segnale che consenta la circolazione di passeggeri all’interno della cabina, i passeggeri che stiano usando il loro concentratore di ossigeno portatile potranno continuare ad usarlo sebbene non siano seduti al loro posto ma si trovino altrove all’interno della cabina.

ALTRE ATTREZZATURE MEDICHE A BORDO: NEBULIZZATORI, POMPE PER INSULINA, DEFIBRILLATORI, INCUBATRICI, ecc.

Le attrezzature mediche a bordo quali:

- Pompe per l’insulina (o micro-infusori) che adoperano monitor senza fili per il controllo del glucosio.
- Nebulizzatori
- Defibrillatori
- Incubatrici, ecc.,
possono causare interferenze elettromagnetiche (note come EMI per la sigla inglese) che potrebbero interrompere, ostruire o alterare il normale funzionamento degli strumenti di bordo.
L’uso di questi apparecchi all’interno dell’aereo è vietato, sebbene si consenta il loro trasporto nella cabina passeggeri, a patto che:

- Il loro peso e le dimensioni siano simili a quelle del bagaglio a mano.

- Si possano sistemare sotto il sedile davanti al passeggero o nel vano bagagli.
N.B.: Queste attrezzature/apparecchiature vanno assicurate sotto il sedile oppure il passeggero potrà prenotare un posto supplementare (EXST) per il loro uso a bordo.

Tali attrezzature potranno essere trasportate a bordo e utilizzate all’interno dell’aereo soltanto se la compagnia aerea garantisce che non causino interferenze elettromagnetiche ai sistemi di navigazione e di comunicazione dell’aereo, ossia, soltanto se nella scheda tecnica o nelle caratteristiche tecniche dell’apparecchiatura si specifica che tale apparecchiatura non causa interferenze.

Queste attrezzature/apparecchiature si trasportano senza alcun addebito supplementare e si considerano bagaglio a mano (purché rispettino i limiti di peso e delle dimensioni).
Queste attrezzature/apparecchiature vanno assicurate sotto il sedile oppure il passeggero potrà prenotare un posto supplementare (EXST) per il loro uso a bordo.

I passeggeri verranno identificati nel PNL mediante le sigle: FRAG + CKIN + MEDA.